VENDITA CASE & VILLE - LAGO MAGGIORE - MASSINO VISCONTI

La residenza "Tre Laghi" inserita nelle dolci colline del Vergante con vista per l'appunto di tre laghi (Maggiore, Comabbio e Monate) si sposa perfettamente con il contesto ambientale infatti le scelte progettuali hanno tenuto conto delle tipologie edilizie presenti nella zona così pure come la scelta dei materiali ed il relativo impiego è stato rivolto prevalentemente a lavorazioni di tipo tradizionale (legno e pietra). Le unità abitative proposte sono quattro con superfici varianti da 200 a 260 mq. con giardino indipendente. Classe energetica C Epi 136,23 kWh/m2

Codice: ca0158
  • Vendita: VENDITA CASE & VILLE - LAGO MAGGIORE  - MASSINO VISCONTI - La residenza
  • Vendita: VENDITA CASE & VILLE - LAGO MAGGIORE  - MASSINO VISCONTI - La residenza
  • Vendita: VENDITA CASE & VILLE - LAGO MAGGIORE  - MASSINO VISCONTI - La residenza

  • Warning: getimagesize(http://www.immobiliaredeagostini.it/immagini_immobili/XXL/63_ca0158Massino panorama118.JPG) [function.getimagesize]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /home/deag2010/public_html/scheda.php on line 251
  • Vendita: VENDITA CASE & VILLE - LAGO MAGGIORE  - MASSINO VISCONTI - La residenza

MASSINO VISCONTI

Massino Visconti (Massin in piemontese e in lombardo) è un comune di 1.088 abitanti della provincia di Novara. Di probabile origine romana, il nome "Massino" deriverebbe da "massa", nel significato di podere, piccola proprietà agraria, ma l'unica testimonianza appartenente a tale periodo è rappresentata dal frammento di lastra funeraria murato sotto il portico della casa parrocchiale. La prima notizia storica relativa a Massino risale tuttavia all'anno 865, con la richiesta del conte e dignitario di corte, Ermenulfo, di ottenere, tramite la mediazione dell'imperatrice Angelberga moglie di Ludovico II, una conferma imperiale del "monastero di Massino". Nel suo testamento dell'877, Angelberga legò Massino al monastero di San Sisto in Piacenza, con il vincolo di mantenere dieci monaci o canonici nella chiesa dell'abbazia, dedicata a Santa Maria e "costruita fuori porta": forse di una cinta muraria, se non proprio del primo castello. Pervenuta poi la piccola abbazia, "fertile di olio e di vino", al vescovo di Vercelli e arcicancelliere Liutvardo, fu da questi ceduta, nell'883, al monastero svizzero di San Gallo contro il versamento di un censo annuo pari a 6 fiaschi di olio oppure a 60 soldi d'argento, e riservato l'usufrutto. Nel 1134 l'abate di San Gallo concesse l'investitura dei diritti temporali in Massino e nelle sue pertinenze a Guido Visconti, riservando a sé i diritti e le prerogative spirituali. In progresso di tempo, i Visconti, divenuti signori di Milano, si sottrassero agli obblighi verso il monastero svizzero e, attraverso le varie vicende dei numerosi rami familiari, conservarono le prerogative feudali fin verso la fine del XVIII secolo. Nel primo Novecento il Comune di Massino, a memoria del suo passato, volle aggiungere al proprio nome l'appellativo Visconti.